TRIO BOBO

TRIO BOBO

Venerdì 25 Febbraio 2011 ore 21.00 – Trio Bobo – Faso – Alessio Menconi – Christian Meyer

Compra ora il biglietto


Trio Bobo

Il Trio Bobo è il progetto fusion ideato e creato dai musicisti della sezione ritmica di Elio nel 2004, ovvero Faso al basso e Meyer alla batteria, assieme al celebre chitarrista Alessio Menconi alla chitarra, con cui l’anno seguente rilasciano l’omonimo debutto composto da pezzi “inventati nella cantinetta di Faso“.
Un progetto creato per divertirsi e condividere la comune grande passione per la musica, ma anche per migliorare le proprie capacità e realizzare buona musica in contrasto con la banalizzazione e commercializzazione del mainstream, dice infatti Meyer: “il Trio Bobo è quel piccolo “gioco” dove noi possiamo ritrovarci a suonare quello che amiamo e che cerchiamo di difendere dal mostro della musica commerciale, dalla musica moderna che ormai non riusciamo quasi più a seguire. E’ una via di fuga che ci dà l’ossigeno e la motivazione per continuare a suonare con i nostri strumenti, a cercare di migliorare musicalmente, a metterci sempre alla prova. E’ una specie di laboratorio familiare…”.

[spoiler]

E bisogna dire che questo “laboratorio familiare” riserva non poche soddisfazioni sia per loro che per noi che lo ascoltiamo; i tre ben apprendono la lezione di maestri del jazz-rock come John McLaughlin, Pat Metheny, John Scofield, gruppi storici e fondamentali come la Mahavishnu Orchestra, o i Soft Machine, i Weather Report, e si potrebbe dire anche (con le dovute proporzioni) il Latin rock di grandi come Santana. La mancanza di tastiere, in genere sempre presenti nel jazz rock, non limita le potenzialità di Trio Bobo, ma anzi da modo al concerto di elevare a potenza la creatività dei singoli musicisti. La loro musica è strumentale e, considerando il genere per tradizione molto tecnico, alcuni potrebbero avere il pregiudizio di pensare a soli virtuosismi fini a sé stessi. Falsissimo, sia per il gruppo che per il mondo fusion ricco di creatività e di musicisti di talento: il Trio Bobo qui si dimostra capace di trovare il giusto equilibrio fra tecnica ed espressività, gli stessi membri dichiarano di essere molto auto-critici su questo punto e di non apprezzare gli esibizionismi che non comunicano nulla, al punto da ascoltare e riascoltare continuamente le proprie registrazioni per trovare i punti deboli e aggiustarli.
Il cardine della musica è, oltre all’estro compositivo dei tre, in perfetta sinergia in ciascuno dei brani e denotando ricchezza di idee, la voglia di non limitarsi ad un solo minimo comune denominatore, ma di andare oltre, condire il tutto con diverse influenze e proporsi non di “comporre musica jazz” e basta, ma di comporre musica “totale”, come loro la definiscono. Ogni brano è dinamico, varia, l’impianto ritmico si dimostra versatile, costruendo impalcature solide su cui la chitarra di Menconi si adagia dolcemente, ma anche momenti di maggiore intensità in cui viene come fatta scaturire una scintilla d’energia che rende l’intero full-lenght dinamico e vivace. I tre si dimostrano abili e attenti nell’esecuzione, in perfetta tradizione del miglior jazz rock: ad ogni variazione di registro di Faso, Meyer sa rispondere con il suo basso nel dettare il filo conduttore da seguire e Menconi si inserisce in perfetta sintonia; così a sua volta, la sua chitarra può suggerire le coordinate su cui sviluppare il resto del brano. Il trio gioca di squadra, e lo fa con grande classe. Unità, oltre che improvvisazione, composizione, anche scomposizione e ricomposizione; come in una grande unica jam session, ma in realtà bisognerebbe parlare di “live” come il trio stesso suggerisce, perché l’intensità e l’espressività della musica sono tali da saper riprodurre la stessa forza catturante che sa sprigionare un concerto.

[/spoiler]
Ecco alcuni frammenti della splendida serata!

One Response to “TRIO BOBO”

  1. Gianni scrive:

    Grande gruppo e grande attesa per u evento da non perdere. Io mi sono già preso il biglietto! 🙂

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *